Angoli

13 Mar

Angoli

Alla parola “angolo” è possibile dare diversi significati. Un angolo è ciascuna delle due parti in cui un piano è diviso da due semirette uscenti dallo stesso punto, può essere l’incrocio di due elementi murari, oppure un luogo tranquillo ed isolato.
Con lo stesso sostantivo possiamo anche indicare un luogo di particolare naturalità, infatti un “angolo di natura” potrebbe essere definita la zona prossima all’Adda, con i suoi boschi e le sue rive. Utilizziamo il verbo al condizionale perché in questi mesi, proprio sulla riva dell’Adda a Rivolta, stanno costruendo la centrale idroelettrica voluta fortemente dalla giunta Rivoltiamo. Per fortuna che il nome del movimento politico di maggioranza prende come spunto la locuzione “Rivolta ti amo” altrimenti chissà cosa avrebbero realizzato in questo quinquennio.
Qualsiasi persona di media intelligenza potrebbe sospettare che un sacrificio così alto, in termini paesistico ambientali e di sicurezza (ricordiamo che è previsto un intervento sostanziale sulla briglia che andrà ad interagire sulle fondazioni del ponte della rivoltana e sulla regimazione del fiume), avrà una valida contropartita per il paese.
A tal proposito possiamo rassicurare tutti i rivoltani, non è affatto così!
Infatti siamo finalmente entrati in possesso della convenzione con cui la società realizzatrice intende regolare i rapporti con il comune. Già il fatto che la convenzione venga sottoposta in Consiglio Comunale durante la prossima seduta, del 16 marzo, ed i lavori sono già cominciati da mesi, fa già pensare come sia stata affrontata la concessione dei lavori. Prima i lavori, poi regolarizziamo la posizione col comune…
Infatti in Consiglio Comunale verrà anche presentata la proposta di “accordo bonario” per la cessione dell’area, su cui stanno già edificando la centrale, di proprietà del comune. Sì, avete capito bene, stanno costruendo una centrale idroelettrica, non una veranda, su un’area che non è ancora di proprietà della società. Un dettaglio in fondo, no?
Una persona ottimista per natura, non si darebbe per vinta e continuerebbe a supporre che tutto questo ha uno scopo, basterebbe forse leggere la convenzione. Ma leggendola l’ottimismo svanisce presto, lasciando spazio ad una certezza…
A fronte della costruzione della centrale, che frutterà centinaia di migliaia di euro all’anno alla società proponente (soldi che vengono corrisposti dal GSE, quindi anche dalle nostre bollette dell’energia elettrica), la giunta Rivoltiamo è riuscita a strappare le seguenti condizioni:
• € 1.200 quale somma per l’uso della strada comunale per accedere al sito e per la posa dell’elettrodotto necessario all’allaccio dell’impianto (speriamo di ripagarci almeno l’asfalto…)
• € 15.000 come contributo compensativo per le opere che verranno realizzate nel territorio.
Praticamente hanno svenduto il nostro territorio e la nostra sicurezza per € 16.200!!!
Il buon signor grafico però continua ad essere entusiasta, dalle pagine del giornalino “Rivoltiamo”, infatti, gioisce perché viene prodotta molta energia elettrica senza inquinare…peccato solo per la devastazione ambientale e per le quattro monete che la società darà come “mancia” al comune, a fronte del cospicuo guadagno che le frutterà l’operazione.
Secondo noi, da qualsiasi angolo si veda la vicenda, l’ampiezza è sempre prossima a 90°…

No Surrender

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: