Archivio | Interpellanze RSS feed for this section

MOLESTIE OLFATTIVE: QUESTE SCONOSCIUTE?

20 Nov

puzza_Nani

Il territorio circostante Treviglio è tristemente noto per fenomeni di molestie olfattive. L’ARPA (Azienda Regionale per la Protezione dell’Ambiente) definisce la molestia olfattiva come la presenza di un “odore” che altera lo stato di benessere di una persona e, nei casi più gravi, può causare malessere e disturbi. Può essere causata da abbandono di rifiuti, fuoriuscita di gas, inquinamento olfattivo (occasionale o meno), da attività produttiva, incendi e attività agro zootecniche. I casi di maleodorazione possono essere legati a condizioni croniche legate a situazioni o impianti produttivi, oppure ad eventi emergenziali.

Esattamente ciò che alcuni Rivoltani hanno rilevato mercoledì 13 novembre, dalle 18.00 alle 19.00, nelle zone del centro storico. Rivolta delle Idee ha raccolto queste segnalazioni, che raccontano di un “odore chimico tale da provocare bruciore alla gola e fastidio agli occhi”, e presenterà un’interpellanza al Sindaco per capire se il Comune sta avviando delle indagini adeguate.

La legislazione nazionale, a riguardo, è carente: a nostra tutela esistono solo due leggi, l’articolo 884 del Codice Civile, in merito alla “Normale tollerabilità”, e l’articolo 674 del Codice Penale, sul “Getto di cose pericolose”. Tuttavia, ci viene in aiuto la legislazione regionale, con la D.G.R. n. IX/3018 del 15 febbraio 2012: il Sindaco ha il dovere di raccogliere le segnalazioni di emissioni olfattive fastidiose, individuare la fonte del disturbo, e verificare la regolarità della situazione amministrativa dell’azienda. In seguito, insieme al gestore dell’impianto, all’ARP e all’ASL, dovrà valutare l’eccezionalità di tale emissione. In caso si rendano necessari ulteriori approfondimenti, vengono avviati dei monitoraggi che possono, in conclusione, portare alla conferma o al riesame dell’autorizzazione conferita all’azienda. Un elemento fondamentale è che, prima di iniziare questo percorso, è necessario escludere la presenza, anche in tracce, di sostanze chimiche nocive. Solo in un secondo momento, una volta accertata la sicurezza per la salute degli esaminatori, si può procedere.

È molto importante che questo tipo di emissioni venga controllato, in una zona come la nostra, dove il fenomeno non è affatto raro. L’odore sta diventando un problema di importanza non indifferente: i nostri recettori olfattivi sono molto sensibili, e le aree urbanizzate, in costante crescita, si espandono anche in prossimità di impianti e aziende, generando così un conflitto fra attività industriale e cittadini. Perciò il nostro gruppo consiliare ha ritenuto opportuno chiedere al Sindaco se vengono messe in atto delle strategie per tutelare la nostra salute di cittadini e, se sì, quali sono. Vuole inoltre stimolare la Giunta a mantenersi aggiornata sugli esiti delle ispezioni effettuate dall’ARPA sulle aziende del nostro territorio.

Rivolta delle Idee attende risposte!

Nel frattempo, esortiamo i cittadini a contattarci nel caso vengano rilevate altre emissioni odorose: vogliamo tenere monitorata la situazione.

Annunci

Un nuovo assetto per le società partecipate

18 Giu

euro

Il Comune di Rivolta d’Adda, come tutti gli enti locali, detiene quote di partecipazione di società cosiddette partecipate. Abbiamo presentato un’interpellanza per cercare di contribuire con delle “buone prassi” ad una svolta nella gestione delle società.
Continua a leggere

Tuteliamo l’Ospedale di Crema

5 Giu

ospedale-crema

Viste le recenti notizie circa il possibile accorpamento tra l’Ospedale di Crema e quello di Cremona, ci siamo mobilitati per chiedere l’attivazione anche dell’amministrazione comunale. Ecco la nostra interpellanza.

Continua a leggere

Parola d’ordine: collaudare!

12 Mag

cartelli_stradali

Il termine “collaudo” significa: “Sottoporre a verifiche pratiche e attente perizie un lavoro, un’opera, un oggetto nuovo, al fine di accertare la sua idoneità all’uso cui è destinato”. Rendiamo noto che l’Amministrazione di Rivolta d’Adda ritiene che il collaudo tecnico amministrativo delle opere di urbanizzazione del famigerato PII di Via Galilei, effettuato qualche tempo fa, non solo rispecchia alla lettera la definizione di cui sopra ma è anche conforme alle leggi vigenti in materia.

Continua a leggere

Bilancio ed emendamenti

11 Mar

bilancio-comunale1

Nel prossimo consiglio, che si terrà il 19.03.2013, verrà discusso il bilancio economico del comune. RIVOLTA DELLE IDEE presenterà un emendamento finalizzato ad incassare più soldi dall’area commerciale in fregio alla Rivoltana.  Il nostro non è un accanimento ma la dimostrazione che ci teniamo affinché le tasse vengano pagate da tutti in modo equo.

Continua a leggere

Nuova convenzione asilo: nulla è cambiato o quasi…

3 Feb

ed-io-pago

Nello scorso consiglio comunale, tra gli altri argomenti, è stata discussa la convenzione che regola i rapporti tra il Comune e la Scuola Materna. Ricordiamo che la convenzione è stata discussa perché Rivolta delle Idee ha portato all’attenzione dell’amministrazione, e dei cittadini rivoltani, la discutibile gestione dell’asilo effettuata finora.

Continua a leggere

Chiacchiere e distintivo…

30 Gen

chiacchiere20e20distintivo

Venerdì scorso, in consiglio comunale, c’è stato uno scambio di opinioni tra il rappresentante di Rivolta delle Idee e l’ing. Carera; l’oggetto della discussione erano i lavori di messa in sicurezza della sponda dell’Adda nel nostro territorio. La causa scatenante delle ire dell’ingegnere è stata un’interrogazione, che abbiamo presentato, per conoscere come procedevano le trattative con AIPO per lo stanziamento di fondi e l’inizio dei lavori di messa in sicurezza della sponda sinistra del fiume.

Continua a leggere